Pesquisa personalizada

quarta-feira, 26 de dezembro de 2007

Per leggere...

Il miracolo delle noci

Oh! dovete dunque sapere che, in quel convento, c'era un nostro padre, il quale era un santo, e si chiamava il padre Macario. Un giorno d'inverno, passando per una viottola, in un campo d'un nostro benefattore, uomo dabbene anche lui, il padre Macario vide questo benefattore vicino a un suo gran noce; e quattro contadini, con le zappe in aria, che principiavano a scalzar la pianta per metterle le radici al sole. "Che fate voi a quella povera pianta?" domandò il padre Macario.
"Eh! padre, son anni e anni che la non mi vuol far noci; e io ne faccio legna".
"Lasciatela stare - disse il padre - sappiate che, quest'anno, la farà più noci che foglie." Il benefattore, che sapeva chi era colui che aveva detta quella parola, ordinò subito ai lavoratori, che gettasser di nuovo la terra sulle radici; e, chiamato il padre, che continuava la sua strada, "Padre Macario, - gli disse - la metà della raccolta sarà per il convento." Si sparse la voce della predizione; e tutti correvano a guardare il noce. Infatti, a primavera, fiori a bizzeffe, e, a suo tempo, noci a bizzeffe. Il buon benefattore non ebbe la consolazione di bacchiarle; perché andò, prima della raccolta, a ricevere il premio della sua carità. Ma il miracolo fu tanto più grande, come sentirete. Quel brav'uomo aveva lasciato un figliuolo di stampa ben diversa. Or dunque, alla raccolta, il cercatore andò per riscotere la metà ch'era dovuta al convento; ma colui se ne fece nuovo affatto, ed ebbe la temerità di rispondere che non aveva mai sentito dire che i cappuccini sapessero far noci . Sapete ora cosa avvenne? Un giorno (sentite questa), lo scapestrato aveva invitato alcuni suoi amici dello stesso pelo, e, gozzovigliando, raccontava la storia del noce, e rideva de' frati. Que' giovinastri ebber voglia d'andar a vedere quello sterminato mucchio di noci; e lui li mena su in granaio. Ma sentite: apre l'uscio, va verso il cantuccio dov'era stato riposto il gran mucchio, e mentre dice: guardate, guarda egli stesso e vede... che cosa? Un bel mucchio di foglie secche di noce. Fu un esempio questo? E il convento, invece di scapitare, ci guadagnò; perché, dopo un così gran fatto, la cerca delle noci rendeva tanto, tanto, che un benefattore, mosso a compassione del povero cercatore, fece al convento la carità d'un asino, che aiutasse a portar le noci a casa. E si faceva tant'olio, che ogni povero veniva a prenderne, secondo il suo bisogno; perché noi siam come il mare, che riceve acqua da tutte le parti, e la torna a distribuire a tutti i fiumi.

VOCABOLARIO:
Benefattore: chi si dedica a soccorrere concretamente i suoi simili.
Scalzare: rendere scalzo. Scalzar la pianta = smuovere, asportare la terra per mettere a nudo le radici.
Predizione: profezia, presagio, previsione, pronostico.
A bizzeffe: (locuzione avverbiale) in stragrande abbondanza. Parola derivata dall'arabo bizzâf = molto.
Bacchiare: percuotere con la pertica per far cadere i frutti dall'albero (detto di olivi, castagni e simili).
Scapestrato: chi è sregolato nel vivere, scioperato, dissoluto.
Gozzovigliare: darsi agli stravizi, ai bagordi.
Scapitare: subire danno, perderci, rimetterci in un affare.
Reações:

0 comentários:

Postar um comentário